RISTORANTE LUNA ROSSA, ZONA PARTUENSE, ROMA

RECENSIONE TRIBUTO di PANDIZENZERO

Questa recensione è un po’ particolare, perchè non potrà essere utilizzata come un consiglio, considerato che il ristorante con la gestione che abbiamo conosciuto noi, non c’è più, ma è un tributo, un regalo se così vogliamo chiamarlo ad un locale spettacolare, sotto ogni punto di vista, a partire dal suo proprietario, Gianfranco, che abbiamo saputo essersi in realtà trasferito a cucinare nella campagna romana*, e pertanto se qualcuno dovesse incontrarlo ci faccia sapere dove si trovi che correremo a riprovare la sua cucina.

Il Ristorante Luna Rossa è stato una piacevole scoperta, a partire dall’estetica esterna,  che non lasciava molto benpensare, forse perchè la semplicità  potrebbe anche essere confusa con la sciatteria, fatto sta che la  struttura in legno richiamante una nave nascondeva un locale  molto accogliente ed elegante, arredato con cura ed attenzione dei particolari. Oltre la veranda, di marinaresca memoria, sono disponibili anche due sale interne con pochi coperti e per questo molto intime.

Non esiste una carta del menù,  è infatti la stagione, abbinata alla disponibilità dei prodotti, perlopiù ittici, a determinare gli ingredienti dei piatti che lo chef cucina, con fantasia, creatività e passione.

Ho avuto modo di mangiare da Luna Rossa molte volte e mai mi è stato proposto lo stesso piatto, sorprendendomi ogni giorno per la particolarità dei piatti e soprattutto la loro specificità, con un equilibrio tra i sapori spesso anche molto differenti, che non credevo fosse possibile apprezzare.

ANTIPASTI. Originali e molto semplici nella preparazione: dal salmone affumicato con una quenelle di salsa di rafano ad una polentina di semolino con alghe fritte  e moscardini, oppure  insalata di indivia belga ed arancia condita con gamberone panato in una panure di semi di zucca tritati grossolanamente.

PRIMI. Spettacolare il risotto con bottarga e provola, sublimi i maltagliati con gallinella di mare e pomodorini, deliziose le trofie con tonno fresco, capperi e olive taggiasche.

SECONDI. Particolare la tagliata di ricciola con parmigiana di melanzane, leggerissima e gustosa la frittura mista di pesce, ma anche un saporitissimo misto di pesce (dai gamberi alla triglia ai calamari) con verdure cotto al vapore in un sacco di carta alimentare che manteneva e mischiava i sapori in maniera sublime. Che dire del pesce San Pietro in crosta di pistacchi su un letto di finocchi? Commovente.

DOLCI.  Rappresentano un delizioso capitolo a parte: la millefoglie con cioccolato e frutti di bosco è da togliere il fiato, così come il tortino con cuore caldo di cioccolato. Per non parlare della coppetta di fragole e panna con granella di pistacchio decisamente alternativa. Tutto rigorosamente artigianale.

SERVIZIO.  Ottimo, il personale molto disponibile e gentile, i piatti vengono presentati con molta cura ed attenzione dei particolari, come il coperchio di porcellana, come la tazzina da caffè sui cui è posato, che mantiene l’aroma ed il calore della bevanda.

E’ possibile anche scegliere fra una vasta gamma di vini italiani e stranieri, inclusi quelli da dolce.

PREZZO. Per antipasto, primo, secondo e dolce il prezzo si aggira attorno ai € 60, vino escluso.

Ho avuto modo di sentire commenti anche sulla nuova gestione, che ha conservato il nome del locale, ma a quanto pare non la stessa fantastica proposta culinaria, mentre il costo non si è abbassato di molto.

Io, dal canto mio, non credo andrò a testare questa nuova vita di Luna Rossa, piuttosto, nel frattempo attendo notizie di Gianfranco….

VOTO: 9

*AGGIORNAMENTO: il grande Gianfranco ha aperto, insieme con il vecchio Staff, un nuovo ristorante,  “Arte a Tavola”, in Via Donato Menichella 288, zona Torraccia, uscita 12 del GRA di Roma. Andremo presto a trovarlo e vi faremo sapere!

Annunci

  1. A differenza di quanto si dice, abbiamo provato di persona la nuova gestione del Luna Rossa e oltre alla cucina espressa di ottima qualità e alla cortesia dei gestori, debbo contestare che il prezzo, per una cena, si aggira intorno ai 30/35 € vino compreso. Vorrei ricordare che avere un menù scritto, oltre ad essere un obbligo, dà una sicurezza al cliente su quello che spende; posso affermare che con il grande Gianfranco abbiamo ricevuto cattive sorprese. Consiglio comunque di provare il suo nuovo locale a San Basilio e poi giudicare di nuovo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...