CHEF GUERRINO

A CURA DI CHEZ SBARDE’

Chiunque abbia sentito almeno una volta questa simpatica musichetta sa già di chi sto parlando. Diciamoci la verità, ormai la TV pubblica e privata, così come i network tematici via satellite e Web based sono invasi di Celebrity Chefs. Ognuno dice la sua, ed è giusto che tutti abbiano la possibilità di ritagliarsi la propria nicchia. Ma tra tutti questi ottimi e meno ottimi professionisti nessuno riesce a eguagliare la flemma, la gentilezza e le porzioni di Chef Guerrino.

ODE ODE a Chef Guerrino!.

Questo gentile signore, al secolo Guerrino Maculan, da anni impreziosisce i palinsesti delle reti locali di tutta Italia con il suo simpatico volto baffuto. Le sue sono ricette semplici ma non scontate (tipo, che so, sugo con le savecicce o spaghetti al nero di seppia), quasi sempre economicissime (una volta ha preparato l’aragosta gratinata e quasi quasi si scusava con il pubblico) e saldamente ancorate alla tradizione italiana. Eppure nella cucina dello Chef veneto non sembra esserci posto per nazionalismo di maniera o snobismo gastronomico (ammazza come scrivo bello, oggi), visto che Guerrino come conferma la nostra inseperabile amica Vicky, ha studiato i segreti della cucina orientale in Cina e Giappone.

Condurre un programma di cucina non è per niente facile. Chef e conduttore sono due mestieri differenti. Ed è per questo che chi buca il video, come ad esempio il bravo Simone Rugiati, spesso nella preparazione si perde, la butta in caciara, spinto dai tempi televisivi.
Guerrino, invece, sta lì nella cucina del suo ristorante, cheto, tranquillo, caruccio. Cucina con dovizia, gratina tutto nella ‘salamandra’, fa porzioni da re e riesce quasi a nobilitare la panna (QUASI!). E anche se ogni tanto acciavaja (tipo ‘questo aggeNgio’), tratta la cucina con il giusto rispetto.  Per volergli male, insomma, bisogna veramente essere malvagi.

Attualmente Chef Guerrino gestisce il ristorante ‘Il Tinello’ in quel di Bassano del Grappa. Se un giorno dovessi passare da quelle parti (a chi non è capitato almeno una volta nella vita?), ci farei un salto volentieri.

Con questo mi sembra di aver scritto tutto. Vi ringrazio del tempo che mi avete dedicato. E, come sempre, a Dio piacendo arrivederci al prossimo post.

KeBob LOVES Guerrino (il punto di vista di Kebob)

È per te che c’ho il ventre tondo
cazzo è enorme, quasi come il mondo
è per te che ansimo in salita 
è per te ,che è corta la mia vita
è per te che non mi sazio mai
e alla bilancia, son sempre nei guai
è per teeeeee, ogni grammo di meeee…peppepéééé, peppepéééééééééé

Quando un bambino invece di guardare Ken Shiro preferisce seguire le gesta televisive di un cuoco coi baffi, muore una fata. Specie se il bambino le si siede sopra. Io sono cresciuto con Chef Guerrino, lo Chef di tutti, lo Chef nostro, lo Chef vostro…ho imparato a cucinare gli spaghetti al nero di seppia guardandolo. Non li ha mai cucinati, ma io sentivo dentro di me che li sapeva cucinare. Sicuramente meglio di ogni singolo autore di questo zozzo Blog.

Guerrino, ti voglio bene. Se passo a Bassano ti vengo a trovare, vorrei una foto con te.

Annunci

    • Sarai una fan di quella checca isterica di R**iati: l’unico “finto” chef che l’unica vlta che ha fatto mangiare qualcosa a qualcuno, ha spedito 10 persone all’ospedale. Mia sorella, nota avvelenatrice, non avrebbe saputo fare di meglio.

      • E la miseria quanto astio! Ti faccio presente di non essere fan di nessuno, o meglio di nessuno che si traveste e va in televisione a fare spettacolo.
        Rugiati immagino sia il cuoco biondo toscano, beh mi attizza sinceramente.

  1. La sua pagina FB ha 30 mila e passa ‘mi piace’.
    Quindi oltre a me e Kebob qualcun’altro lo conosce, ME SA.
    Hai mai visto la tv? Sai, quel nuovo elettrodomestico di cui tutti parlano.

  2. Appellare in modo poco appropriato personaggi pubblici, anche se in tono scherzoso, o altri utenti qui non è permesso. Quindi senza rancore, ma edito.

    Grazie.

    Se vuoi puoi dare della checca isterica a me, io non mi offendo e leggendo al limite posso rispondere. Ma anche no, non c’è problema. 😉

  3. Pingback: GORDON RAMSAY | STO MONDO E QUELL'ALTRO

  4. grazie per i commenti e gli elogi fattomi sono nel mestiere o arte da 57 anni attualmente ne ho 70 un tempo dopo la scuola si entrava nel mondo del lavoro spesso nello stesso mestiere o arte dei genitori, mia madre fu la cuoca di una nota casata veneta. E’ importante nel comporre o fare il piatto avere il massimo rispetto del prodotto. Ringraziare sempre a chi con il sudore è riuscito a produrlo e chi dall’alto ha permesso tutto questo. Un grazie ancora a questo sito e se passate da queste parti un prosecco assieme sarà sempre gradito. Grazie. scusate il ritardo della risposta.

    • Chef, lei non lo sa quanto rischia ad invitare dei beoni come noi…..capace che veniamo davvero, non fosse altro che per scroccare il prosecco.

      Scherzi a parte….non sono complimenti, è un atto dovuto ad una persona che da sempre abbiamo associato, in maniera quasi fiabesca, alla cucina ed ai suoi piaceri….lunga vita Chef!

      • Confermo quanto scritto dal mio esimio socio/culèga/fratello Kebob.
        La recensione era un atto dovuto verso chi ha fatto della
        Per citare il grande Antonio De Curtis: “Signori si nasce. E lei, chef, lo nacque”!

  5. Pingback: GORDON RAMSAY - Sto Mondo e Quell' Altro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...