AMERICAN PANCAKES

RICETTA CURATA DA CHEZ SBARDE’

Sunday Monday, li Pancakes.
Tuesday Wednesday, li Pancakes.
Thursday Friday, li Pancakes.
Li stamo a fà,
Nun sta a pensà,
Magnateli pure tu…….

(reinterpretazione della sigla di Happy Days)

Oggi pancakes, presenza fissa delle colazioni americane, e pure di qualche Brunch. Le ‘frittelle’ come eravamo soliti chiamare i pancakes dal ventennio in poi, hanno sempre titillato la curiosità dei ragazzini italiani che in tv vedevano i teenager yankee intenti a scofanarsene una bella pila.

Chi non ha mai sognato di papparsi una torre di pancakes da Arnold’s, al Central Perk, al Peach Pit o a….. Dawson Creek? (non lo vedevo quel telefilm, quindi ignoro se quei 4 straccioni avessero un luogo di ritrovo).

Chi non lo ha mai sognato?

Io, per esempio, che quando ho voglia di pancakes me li faccio a casa, visto che il procedimento è semplicissimo. E infatti ci ho giusto appunto fatto colazione, anzi, visto che era l’una meno venti, diciamo che c’ho pranzato.

I pancakes canonici si gustano irrorati di sciroppo d’acero. Varianti comunemente accettate sono quelle con il miele, la marmellata o la nutella (per i più porcelli). Infine sono ottimi con la frutta, soprattutto quando fa un caldo boia come in questi giorni.

Per celebrare l’ultima collaborazione di Sto Mondo e Quell’altro ho scelto proprio la frutta, e nello specifico i mirtilli in sciroppo di Toschi, celebre ditta produttrice di frutta sciroppata, liquori di frutta, topping e aceto balsamico. L’azienda affonda le radici nel modenese dove nel lontano 1945, grazie all’intuizione dei F.lli Toschi, iniziò a produrre la versione sotto spirito delle celebri ciliegie di Vignola, così da poterle gustare tutto l’anno. L’idea ebbe subito un enorme successo, tanto da portare la Toschi S.r.l. a diversificare enormemente la propria gamma di prodotti che oggi conta sciroppi di frutta per uso domestico o commerciale; decine di varianti di frutta sotto spirito o in sciroppo; confetture; prodotti per gelateria industriale; liquori e ottimo aceto balsamico. Specialità che hanno varcato i confini nazionali per conquistare i quattro angoli del globo, dove l’azienda Toschi è divenuta degna ambasciatrice delle eccellenze del Made in Italy. Ma Toschi con i suoi prodotti è anche presente nel meraviglioso universo dei food blogger italiani, come dimostra la sua partecipazione al nostro semplice ma vivace blog casareccio.

Passiamo ora alla preparazione dei pancakes.

INGREDIENTI per 2 michetti (cioè circa 6 pancakes)

  • 1 uovo;
  • 1 albume;
  • 200 ml di latte (intero, scremato o parzialmente. Come preferite);
  • 60 gr di zucchero o zucchero a velo;
  • 150 gr. di farina;
  • 1 bustina di lievito;
  • Burro;

Sgusciate l’uovo in una capiente brocca graduata, aggiungete il latte e mescolate con le fruste elettriche.
Aggiungete la farina, lo zucchero e il lievito e sbattete con le fruste alla massima velocità per un minuto. C’è anche chi usa la farina auto lievitante ma io non l’ho mai provata quindi non so che dirvi, e anche se ve lo dicessi, che ve lo dico a fà?
Lasciate riposare la pastella – che a questo punto dovrebbe risultare ben bolliciosa – per mezz’ora, al massimo un’ora.
Montate l’albume a neve ferma ed aggiungetelo delicatamente al composto, facendo attenzione a non smontarlo.

Scaldate una bella padella antiaderente a fuoco medio.
Scioglieteci una micro noce di burro, oppure passateci un cubetto di burro infilzato su una forchetta.
Versate un mestolo di pastella, fino ad ottenere una cerchio di circa 10 cm di diametro.
Lasciate cuocere a fuoco medio finché sulla superficie si formeranno le bolle.
Girate, o flippate, il pancake con una spatola e cuocetelo sull’altro lato finché sarà ben dorato.
Ripetete l’operazione, ricordandovi sempre di ungere bene la padella con il burro.

Una volta pronti, impilate i pancakes tiepidi su un piatto, cospargeteli con i Mirtilli Toschi e il loro gustosissimo sciroppo e spolverate di zucchero a velo.

Accompagnate con un bicchiere di sugo d’arancia.

Se i pancake non vi riempiono fatevi pure due uova al bacon, o fatevi visitare perché non sète normali.

Enjoy your meal!

Advertisements

    • Lo sciroppo d’acero io l’ho provato negli States. E’ zuccherino ma non dolcissimo come il miele o il caramello. Tra l’altro ha anche relativamente poche calorie 😉 Trovarlo in Italia non è impossibile ma neanche facile. Se ti dice un po’ culo i grossi supermercati tipo Panorama o Auchan ogni tanto ce l’hanno. O sennò c’è sempre ebay ma così magari paghi 4 euro lo sciroppo e 9 la spedizione e non vale la pena.

  1. Pingback: PANCAKES DI KAMUT COCCO-BANANA | STO MONDO E QUELL'ALTRO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...