BOMBOLONI AL LATTE DI MANDORLE CON MARMELLATA DI ALBICOCCHE

RICETTA non di Halloween (ma che ha a che fare con Halloween) OFFERTA DA PANDIZENZERO

Allora, mercoledì scorso stavo tornando a casa da lavoro ed ero depressa al pensiero del mio futuro prossimo alimentare, quando comincio a salire le scale del condominio ed un profumo mi attanaglia, un odore delizioso mi rapisce, continuo a fare i gradini a memoria, con gli occhi chiusi, gusto in bocca il sapore di questa cosa buonissima che qualcuno (stronzo) nel mio palazzo, ignaro delle mie condizioni metabolico-alimentari, sta cucinando. Sembrava lo spot delle Spinacine. Ed in effetti l’odore era quello, di fritto, ma fritto buono, non il Mac di Termini. Quindi comincio a pensare e ricordare, ricordare e pensare, ma che cos’è? Ma chi è?  Ignoro il mio portone al primo piano e proseguo, leggiadra come una gazzella, astuta come una faina, e all’improvviso ricordo I BOMBOLONI!!

Maledizione, era la sera di Halloween! Me l’ero scordato. Quindi velocissima ho pensato: a) potrei travestirmi da piccola zombie impertinente e suonare ogni campanello fino a che non arrivi all’appartamento dello stronzo, per prenderlo a tortorate e fregargli i bomboloni b) potrei aspettare che le creature suonino alla mia porta, rapirle e chiedere i bomboloni come riscatto. Fantastico!

Niente da fare, turno infrasettimanale di campionato, i bomboloni dovranno attendere.

Ma neanche tanto perchè sabato ho dedicato l’intera giornata a prepararne una cifra, buonissimi, morbidissimi, son rimasta veramente contenta, specie perchè era la prima volta che li preparavo.

Ah, se non avete ancora capito di cosa sto parlando, traduco, si tratta dei krapfen, bombe, graffe, come le chiamate chiamate, sono da paura!

Ingredienti per 30 bomboloni (di medie dimensioni):

  • 500 gr di farina 0
  • 50 gr di zucchero semolato
  • 60 gr di burro
  • 2 uova
  • 20 gr di lievito di birra
  • 1 cucchiaio di miele
  • 100 gr di acqua
  • 200 ml di latte di mandorle
  • 1 pizzico di sale

e poi:

  • olio di semi per friggere
  • zucchero a velo per spolverare
  • marmellata di albicocche (io) per il ripieno

Innanzitutto mischiate l’acqua con il latte (non freddi) ed il miele, quindi scioglietevi il lievito e lasciate riposare per qualche minuto.

A questo punto dovreste tirare fuori l’impastatrice, spacchettarla e metterla in funzione, se ce l’avete, altrimenti fate come ho fatto io (che ce l’ho ma mi stava fuori mano), ovvero con un robot da cucina, ma occhio a non fondere il motore (io ci sono andata vicinissima).

Nel recipiente del robot mischiate la farina (ma non tutta, lasciate circa 3-4 cucchiai ) con il composto liquido precedentemente miscelato. Fate amalgamare bene e poi procedete inserendo le uova, lo zucchero e la farina restante, alternando i tre ingredienti come segue: un po’ di uovo, metà dello zucchero ed un cucchiaio di farina, quindi di nuovo l’uovo, l’altra metà di zucchero ed ancora un cucchiaio di farina, infine il resto dell’uovo, il sale e la farina che resta. Prima di procedere inserendo gli ingredienti dello step successivo, fate in modo che i precedenti si siano ben amalgamati.

A questo punto aggiungete il burro a piccoli pezzi, facendo ancora lavorare l’impasto che dovrà essere elastico, liscio ed appiccicoso.

Quando sarete sicuri di aver fatto un ottimo lavoro coprite l’impasto con uno strofinaccio e lasciatelo riposare fino a che non avrà aumentato il volume di circa il doppio.

Bene, adesso dall’impasto staccate dei pezzi di pasta e stendeteli con il mattarello su una spianatoia ben infarinata, ma siate delicati altrimenti il bombolone non si gonfierà in cottura, però dovete anche evitare di usare troppa pasta, quindi stendete bene, poichè il bombolone potrebbe rimanere crudo all’interno.

Con un coppapasta, un bicchiere o quello che volete formate dei cerchi e friggeteli in olio di semi, facendo dorare il bombolone da entrambi i lati. Metteteli ad asciugare su carta assorbente, lasciate intiepidire e farciteli come meglio credete (crema pasticcera, cioccolato…), io ho scelto la marmellata di albicocche ed infine ho spolverato con zucchero a velo (da freddi!).

Sono molto soddisfatta di questa mia prima volta, specie perchè la pasta era molto soffice, ben lievitata ed il bombolone non ha assorbito affatto l’olio di frittura.

Insomma, chiletto o scherzetto?

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...